Translate

mercoledì 31 maggio 2017

Rèèquilibration Fonctionnelle-Metodo Solère

Cosa è la fantomatica 'energia' dell'essere vivente?

Solère ha fatto un esempio che si è rivelato particolarmente illuminante: una persona viva alta 1,70 m e del peso di 80 kg, manterrà inalterati tutti i valori misurabili strumentalmente, come altezza e peso, anche da morta, a parte la temperatura corporea! Il corpo esanime, infatti, diventa freddo per effetto della cessazione della circolazione sanguigna: se ne può dedurre che il calore dovuto allo scorrere del sangue nelle nostre vene ed arterie è l’energia che mantiene in vita il nostro corpo e se questo flusso energetico incontra dei “blocchi” sul suo percorso, si determinano degli squilibri che portano anche alle manifestazioni dolorose che minano quotidianamente il nostro benessere.

26 differenti cause di 'lombalgia cronica aspecifica' su https://tinyurl.com/y9wfabnr

domenica 28 maggio 2017

Meno ti sforzi, più otterrai.

La scienza della morbidezza e sensibilità nel Taijiquan.



Il concetto di 'sforzo' è legato all'efficienza nell'opinione comune, negli sport riguardo le proprie strutture fisiche, per la respirazione ed anche a livello mentale.

Molte persone usano in modo non corretto il termine “forza”, quando in realtà pensano a “sforzo.”


La Legge di Weber (https://it.wikipedia.org/wiki/Legge_di_Weber-Fechner) riguardo le differenze notevoli può aiutarci a comprendere la nostra percezione di modifiche di forza quando si pratica Taijiquan contro un avversario (太極拳)

La legge di Weber si applica alla maggior parte dei tipi di percezione, come la diversa intensità o durata o lunghezza d'onda della luce (colore), il volume o lunghezza o passo di suoni, ma anche alle percezioni psicologiche come le differenze nei costi di prodotti o servizi.

Nel Taijiquan, la principale sensazione che si allena è il tatto. La pressione sulla nostra pelle viene rilevata con i nostri meccanocettori.
Ci sono altri sensori nella pelle in grado di rilevare un avversario, inclusi termocettori (rilevatori di calore) e recettori del follicolo pilifero (rilevatori dei movimenti dei nostri peli), ma il ruolo che essi svolgono nella pratica del Taijiquan è trascurabile.
La propriocezione - il rilevamento della forza delle parti limitrofe del proprio corpo, durante il movimento - è anche molto importante per comprendere le interazioni con un avversario, secondo il concetto del Taijiquan.
La percezione meccanica (tatto) e propriocezione insieme diventano molto più sensibili (circa sette volte) rispetto al solo tatto, ma dal momento che la legge di Weber dovrebbe applicarsi sia ai recettori meccanici che alla propriocezione, userò solo la percezione meccanica, che è più facile da illustrare, nell'esempio di questo articolo.

La legge di Weber afferma sostanzialmente che la nostra capacità di percepire i cambiamenti (differenze di grandezza) in forze (pressione) è proporzionale alla grandezza dello stimolo iniziale. Pertanto, maggiore è la forza iniziale, maggiore un cambiamento deve essere al fine di poter essere percepibile; quindi utilizzare meno pressione (la pratica più morbida del movimento) permetterebbe ai praticanti di percepire precocemente i cambiamenti di pressione.

La capacità di rilevare variazioni di pressione produrrebbe una relazione lineare, avendo un rapporto costante, che può essere inserito come mostrato nel grafico di accompagnamento.

La formula sarebbe AP / P = k, dove AP è la minima variazione rilevabile in pressione a livello di pressione P, e k è la costante. La costante k è, per facilità di illustrazione, arbitrariamente impostata come uguale a 0,1 per la linea blu in questo esempio, ed è 0,15 per la linea rossa (che rappresenta qualcuno meno sensibile alle variazioni di pressione che la persona rappresentata dalla linea blu). [Si noti che, per un umano medio, k = 0,14 quando si misura la pressione sulla pelle senza movimento, e k = 0,02 (o 2%) per pesi sollevati, che include sia meccanocezione che propriocezione]


In questo grafico, un praticante più esperto (blu) in grado di rilevare una variazione di pressione da non meno di 10g quando la pressione iniziale è 100g, avrebbe bisogno di una variazione di 0,1 kg quando la pressione iniziale è 1 kg, o una differenza 0,2kg quando la pressione iniziale è 2 kg, ecc

Per il partecipante meno sensibile (linea rossa) invece, che nota una differenza rilevabile in pressione solo quando c'è un cambiamento di almeno 15g, a partire da 100 g, il cambiamento dovrà essere di 0.15kg, partendo da 1 kg,, di 0,3 kg partendo da 2 kg, etc.

Per i confronti relativi, una pallina da golf pesa circa 45g (0,045 sull'asse X del grafico), una palla da baseball pesa circa 150g (0,15 sul grafico) e un put tirato da una donna 'pesa' circa 4 kg (4 sul grafico).


La legge di Weber non è applicabile esclusivamennte negli estremi di stimolazione, come vicino al limite della capacità di una persona per rilevare pressione (valori prossimi allo zero nel grafico), o vicino alla massima che loro recettori può percepire. Se non c'è pressione, allora i meccanocettori non saranno in grado di percepire nulla, ma al fine di influenzare un avversario o semplicemente per interagire con l'ambiente un po' di forza deve pur essere presente, quindi è improbabile che questa limitazione possa influenzare la nostra comprensione per quanto riguarda il concetto di morbidezza del Taijiquan.

La legge di Weber indica che la pratica Taijiquan dolce permette la rilevazione delle variazioni di pressione precocemente (variazioni di pressione minori) rispetto a quando si pratica con più forza. Questo vale sia per ognuno degli operatori indicati nel grafico sopra, ma indica anche che il partecipante più sensibile individualmente lo sarà anche su tutti i livelli di forza in cui le due persone si confrontano direttamente.

Se i praticanti si stanno concentrando sulla sensibilità, allora essi possono trarre beneficio dalla pratica dolce. Più morbide le pratiche sono, meno cambiamento sarà necessario prima che i praticanti possano sentire il cambiamento stesso.

Si noti che la terza legge del moto di Newton afferma, in generale, che per ogni azione, corrisponde una reazione uguale e contraria. Questa legge significa che un professionista avrà la stessa quantità di pressione nel punto (s) del contatto come gli altri partecipanti.

A dimostrare che un praticante non può essere più morbida al punto di contatto che l'altra persona, in quanto un praticante potrebbe provare a diminuire la forza reciproca (netta), spostandosi in su, o potrebbe cercare di aumentare la forza, cercando di applicare una pressione maggiore, ma a qualunque livello uno dei partecipanti sia, lo stesso è per l'altro partecipante.

[Vedi: http://resource-bank.nzip.org.nz/draft-under-construction/mechanics/newtons-third-law-misconception-2/ ]

Anche se la quantità di forza due praticanti hanno al punto di contatto è equivalemte, uno dei partecipanti potrebbe utilizzare meno sforzo per produrre quel livello di forza.

Il concetto di 'sforzo' è legato all'efficienza nell'opinione comune, negli sport riguardo le proprie strutture fisiche, per la respirazion ed anche a livello mentale.

Molte persone usano in modo non corretto il termine “forza”, quando in realtà pensano a “sforzo.”

Il Taijiquan insegna a muoversi e produrre nel modo più facile possibile.

Cerchiamo di sentirci tranquilli e “comodi” durante la pratica per imparare a produrre la stessa forza (efficienza) anche durante il lavoro.

ARTICOLO TRADOTTO TRATTO DA